Questa ricetta è nata dall’assemblaggio di tante idee che avevo per la testa:

  • volevo farmi dei biscotti per la prima colazione (è da un po’ che mangio sia qualche fetta biscottata con la marmellata che biscotti, una cosa sola mi annoia 😀 )
  • volevo usare la lavanda che avevo comprato qualche tempo fa al mercatino della coldiretti

photo 0050

  • volevo usare degli stampini a farfalla che mi ha comprato mia madre.

Quindi, cerca che ti ricerca, ho trovato sul web questa ricetta.

Io l’ho adattata un po’ in base a quello che ho trovato in casa e nei supermercati 🙂 .

PicMonkey Collage000

Ingredienti:

  • 250g di farina 00
  • 50g di farina di mandorle
  • 20g di amido di mais
  • 1 cucchiaino di lavanda essicata
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • 1 pizzico di sale
  • 80g di sciroppo d’acero grado C
  • 60g di latte di soia
  • 100g di olio di girasole deodorato
250 g di farina tipo 0 50 g di farina di nocciole 80 g sciroppo di agave 1 cucchiaino di lavanda alimentare 1 cucchiaino di lievito per dolci 20 g di amido di mais o Maizena 1 pizzico di sale 60 g di latte di riso o di soia 100 g di olio di mais
Vegolosi.it – Leggi su: http://www.vegolosi.it/?p=5585
250 g di farina tipo 0 50 g di farina di nocciole 80 g sciroppo di agave 1 cucchiaino di lavanda alimentare 1 cucchiaino di lievito per dolci 20 g di amido di mais o Maizena 1 pizzico di sale 60 g di latte di riso o di soia 100 g di olio di mais
Vegolosi.it – Leggi su: http://www.vegolosi.it/?p=5585

Procedimento:

  • pulire la lavanda dalle impurità setacciandola e togliendo a mano le foglioline, tritatela brevemente con un coltello
  • mescolate tutti gli ingredienti secchi (farine, amido, lavanda, bicarbonato e sale)
  • aggiungete l’olio: l’impasto verrà grumoso, ma con i passaggi successivi i grumi spariranno
  • aggiungete il latte di soia e lo sciroppo d’acero, impastare il tutto fino a formare una palla
  • avvolgete la palla d’impasto in una pellicola per poterla mettere in freezer ALMENO 30 min (di più è meglio)
  • trascorso questo tempo toglietela dal freezer, ponetela tra due fogli di carta da forno e stendetela con un mattarello fino ad uno spessore di circa 1/2 cm
  • formate i biscotti con le formine e metteteli sulla leccarda (la piastra del forno)
  • formate una nuova palla con gli scarti dell’impasto e ripetete i due punti precedenti fino ad esaurimento impasto
  • cuocete i biscotti per 20 min a 180°C

photo 007

MI raccomando, se non vi piace la lavanda, non provate nemmeno a fare questi biscotti!!! Il gusto è molto forte.tumblr_mw0fjrq9HY1qjm9bpo1_500Non è quanto fai,

ma quanto amore ci metti nelle cose che fai

che conta.

Scusatemi, ma i giorni sono passati velocissimi e i mesi anche.

Volevo iniziare rubriche e scrivere molti post ma ho dovuto studiare e occuparmi di una piccoletta, che ora è con noi da 2 mesi. Tutti gli altri pensieri sono stati azzerati.

cambio txiki

Questa piccoletta di nome Txiki [Ciki] (che in lingua basca vuol dire piccolo) l’ho trovata una sera di fine agosto mentre mi avviavo alla macchina per poi raggiungere degli amici. Gridava come una pazza nel giardino dell’asilo delle suore che è giusto davanti a casa mia. Io e altre ragazze, tra cui una mia vicina, siamo state attirate dal suo miagolio e abbiamo fatto di tutto per recuperarla. Poi l’abbiamo portata dal veterinario. E dopo tutte le cure del caso eccola in tutto il suo splendore e in tutta la sua pazzia (notare gli occhi strabuzzati).

Ecco la gatta numero 3.

PS. Questo collage l’ho realizzato con Picmonkey, un photo editor on-line consigliato da molti sul web, bellino!!!

2adee-101cosesudimebanner490

71. Penso di essere molto fortunata.

72. Come si suol dire “l’amicizia si vede nel momento del bisogno”, io l’ho vista veramente.

73. Da varie vicissitudini che stanno capitando in questo periodo in famiglia, mi sto rendendo conto che, fortunatamente, sono molto umana e che se anche a volte dico che non sopporto il genere umano non è così.

74. Da piccola dicevo sempre “non ce la faccio”, “non sono capace” e per questo mi sono state fatte delle ramanzine infinite, grazie a queste ora lo penso solo lo 0,01% delle volte.

75. Il mio aspetto e la mia voce dimostrano meno anni di quelli che ho, ogni tanto mi scoccia un po’, tipo quando chiamano a casa per delle promozioni e mi chiedono se ci sono i miei genitori.

76. Detesto l’aria condizionata, sento l’aria refrigerata come artificiale e questo mi infastidisçe molto.

77. Purtroppo da piccola spesso mi veniva detto: “guarda tizio com’è bravo”, “guarda caio com’è gentile”, “guarda sempronio che bei voti”, ecc… penso che tutto questo abbia un po’ condizionato le mie scelte e il mio modo di essere; certe volte mi chiedo: se non fossero stati fatti tutti questi paragoni, come sarei?

78. Non vedo l’ora di avere una casa tutta mia, di arredarla e di gestirla come voglio e di riempirla di piante e animali.

79. Adoro comprendere i discorsi tra persone che pensano che tu non possa farlo perchè parlano una lingua diversa dalla tua. 🙂

80. Mi giudico un sacco e sono molto severa con me stessa, a volte è un bene perchè mi permette di migliorare, a volte è un male perchè mi fa abbattere.

81. Molto probabilmente quest anno 0 giorni di mare, spero di non ammalarmi troppo quest’inverno.

82. Sto cercando di far fruttare la nostra adesione come nucleo famigliare ad un GAS (gruppo di acquisto solidale).

83. Quelli che vanno in chiesa e fanno volontariato in parrocchia e poi nella vita privata non rispettano neanche un minimo i comandamenti base, tipo: “onora li padre e la madre”, stanno incominciano a farmi venire da vomitare.

84. Qualche giorno fa mi sono stati “affidati” occhiali Ray-Ban originali del 1981. *-*

85. Adoro Pinterest.

86. Provengo da una famiglia molto religiosa, ho una prozia suora missionaria e una procugina suora di clausura.

87. Non so se credo, le persone che hanno attraversato la mia vita mi hanno fatto venire molti dubbi sull’esistenza di qualcuno oltre noi esseri umani.

88. Preferirei non avere la tv in casa.

89. Non bisognerebbe mai raccontare bugie alle persone, si rischia di ferirle gravemente.

90. Mi ero ripromessa di non comprare più libri ma di prenderli in biblioteca; due giorni dopo ne ho comprato uno. :/

91. Mi piace dormire con la tapparella non completamente chiusa, in modo che dalle righe entri una fievole luce dall’esterno.

92. Quando qualcuno non rispetta le regole mi manda in bestia.

93. Un uomo che non va in bici non è un uomo.

94. Odio fare o ricevere regali fatti solo per obbligo, si vede ed è un’inutile spesa di denaro.

95. In questo periodo ho un bruttissimo rapporto con i telefoni, sia fissi che mobili.

96. Cerco di imparare qualcosa di nuovo ogni giorno (oltre a quello che studio, ovviamente).

97. Quando guido non posso fare a meno di ascoltare la radio (RDS) a tutto volume.

98. Tornando dalla Francia ho imparato quanto sia essenziale viaggiare con poche cose.

99. Odio le routines, ma certe volte sono inevitabili se vuoi ottenere qualcosa (tipo passare un esame o dimagrire).

100. Vorrei poter essere davvero un buon medico e aiutare le persone ad affrontare e superare i loro problemi.

101. Sono riuscita a finire questo linky party in tempo, olè! 🙂

Con questo post partecipo al linky party di Alex di “C’è crisi! C’è crisi!”.

who you are

La differenza tra quello che sei e quello che vorresti essere
è quello che fai.

cacao 110

Il giorno prima dell’esame (il 23) mi è venuta una voglia matta di mangiare un dolce al cioccolato. Cercando ho trovato questa fantastica ricetta di Aria. L’ho provata (foto sopra) ed era buonissima!!! E intanto la mia mente ha cominciato a lavorare sulle modifiche possibili. Ecco la prima: dei cupcake vegan al cacao.

cacao 028

Ingredienti (per circa 15 cupcakes):

  • 170g di farina integrale
  • 170g di zucchero di canna
  • 3 cucchiai colmi di cacao amaro
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • 1 cucchiaino di vaniglia in polvere
  • 250ml di acqua
  • 6 cucchiai di olio evo
  • 1 cucchiaio di aceto di vino bianco

Procedimento:

  • mischiate tutti gli ingredienti secchi stando attenti a eliminare tutti i grumi
  • aggiungere l’olio e l’acqua e mischiare bene
  • aggiungere l’aceto (l’impasto diventerà più bianco ma non vi preoccupate!)
  • dividere l’impasto nei pirottini (che avrete messo nello stampo apposito)
  • cuocere in forno preriscaldato a 180° per 35 minuti circa, fate la prova dello stuzzicadenti

2adee-101cosesudimebanner490

51. Sto ritrovando persone care.

52. Una volta stavo per morire soffocata perchè ho mangiato un pezzo di focaccia imbevuto con troppo aceto! (Stavo facendo la scarpetta 😀 )

53. Sono tornata in Italia, ora devo terminare qui gli studi e poi potrei/vorrei partire ancora.

54. In questo periodo devo decidere cosa fare nel mio futuro; ufficialmente alla fine dell’estate inizio l’ultimo anno, quindi devo decidere che specialistica fare e quindi che reparto/ufficio/laboratorio frequentare.

55. Porto gli occhiali: sono sia miope che astigmatica.

56. Ho una zia parrucchiera che non mi fa pagare niente quando vado, ma non voglio approfittarne, taglio solo i capelli 1/2 volte l’anno.

57. Adoro le serie come “Cold Case”, “Criminal minds” e “NCIS”.

58. Ma anche come “Dr. Who”.

59. Ho 8 cugini adorabili.

60. Penso che progresso non sia sinonimo di distruzione e alienazione.

61. Amo i software open source, amo proprio il concetto: sei stato capace di fare una cosa e la metti a disposizione degli altri.

62. Il mio libro preferito è Harry Potter e la pietra filosofale. La prima volta l’ho letto più di 10 anni fa’.

63. Invece i film ispirati non mi piacciono tantissimo, nella mia testa io avevo già i miei personaggi e le mie ambientazioni e mi hanno rovinato un po’ la magia che avevo creato dentro di me.

64. Il mio autore contemporaneo preferito è Daniel Pennac, che ho avuto il piacere di leggere anche in lingua originale (anche se in Francia i libri costano un patrimonio!!! non so proprio come facciano…).

65. Mi piaciono molto i profumi, ma non ne ho uno del cuore. Li cambio sempre, a seconda dello stato d’animo del momento dell’acquisto.

66. Non colleziono niente, direi che non ne sono capace. Ci vuole troppa pazienza!!!

67. Vorrei imparare a giocare a tennis.

68. Sono stata immersa nella tecnologia fin da piccola, mio padre l’ha sempre adorata e ci lavora pure da un bel po’ di anni, quindi è stato automatico.

69. Quando andavo al liceo facevo spendere ai miei un sacco di soldi per vestiti, borse, scarpe, ecc… Ora amo comprare solo cose che mi servono veramente e sono io a dire a mia madre: “non lo voglio, costa troppo” o “non lo voglio, non mi serve”.

70. Mi piacciono molto i party in maschera, sia per la possibilità di essere qualcun altro o qualcos’altro per qualche ora, sia per tutto quello che c’è prima: l’ideazione e la creazione del costume.

Con questo post partecipo al linky party di Alex di “C’è crisi! C’è crisi!”.

love necessities

Amore e compassione sono necessità, non lussi.

Senza di loro, l’umanità non può sopravvivere.

2adee-101cosesudimebanner490

Vorrei scusarmi per il clamoroso salto degli appuntamenti del linky party “101 cose su di me” (info qui). Nell’ultima settimana in Francia ho dovuto fare i rattrapages (recuperi degli esami non passati) e preparare le ultime cose prima della partenza e quando sono tornata (si, sono in Italia definitiviamente, per ora 🙂 ) ho incominciato a studiare per un esame che darò il 24. Quindi un mese è passato e io non l’ho visto!!!

Recuperò gli episodi del linky party dopo l’esame! (Qui il mio ultimo episodio.)

Intanto inauguro una nuova pagina: “Un mese di sport“. L’aggiornerò di giorno in giorno (più o meno). Giusto per avere un diario e una motivazione per fare sport intensamente, ne va della mia salute fisica e mentale. 🙂

A presto!

time

Il tempo non ti sta aspettando,

quindi tu cosa stai apettando?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: