archivio

Archivio mensile:gennaio 2012

Sabato scorso ho deciso di provare a fare lo yogurt di soia senza yogurtiera.

La ricetta l’ho presa da qui.

Più schematicamente e con le modifiche che ho apportato io:

  • utensili
  1. una pentola capiente
  2. una pentola con capienza di poco più di un litro
  3. 7 vasetti (ne ho usati 6 della bormioli rocco e 1 di riciclo, tutti da circa 150ml) e relativi tappi
  4. una forchetta
  5. un imbuto o un mestolo (per travasare)
  • ingredienti
  1. 1L di latte di soia naturale (ho usato quello della Provamel)
  2. 400g di yogurt di soia naturale (ho usato quello della Sojade)
  3. acqua
  • procedimento
  1. nella pentola capiente portare ad ebollizione l’acqua
  2. una volta giunta ad ebollizione spegnere
  3. in un’altra pentola scaldare il latte di soia fino ad una temperatura di 30°C
  4. versare nel latte di soia lo yogurt, a fuoco spento, e sciogliere tutti i grumi
  5. travasare il tutto nei vasetti
  6. una volta che l’acqua raggiunge i 45°C porre i vasetti all’interno della pentola, in modo che l’acqua arrivi a coprire lo yogurt, e coprire il tutto con un canovaccio
  7. lasciare riposare per 12 ore in un posto tranquillo
  8. dopo posizionare i vasetti su di un termosifone acceso (a patto che non superi i 45°C) per altre 12 ore
  9. mettere in frigorifero per almeno 8 ore

Tra il punto 7 e il punto 9 ne ho aperto uno e gli altri li ho messi subito in frigorifero. Mentre lo mangiavo lo yogurt diventava sempre più liquido, quindi ho preso tutti i vasetti e li ho messi di corsa sul termosifone. Penso che quei 5 min in frigorifero non abbiano creato grossi danni.

Ecco il risultato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Oggi ho rifatto lo yogurt, questa volta ho usato un vasetto dei miei al posto dello yogurt Sojade. Domani si vedrà il risultato.

Vi lascio con un pensiero: l’autoproduzione fa il gatto ladro. 🙂 😉

Giovedì ho fatto il terzo esperimento: la pagnottina più piccola (500g).

Buona ma ancora un po’ cruda!!! 😦 Forse ho ancora esagerato con i liquidi perché mi sembrava che la farina non si amalgamasse tutta…

Ecco la ricetta, modificata da quella presente sul libretto di istruzioni della MdP:

  • ingredienti
  1. 245ml + 2 cucchiai di acqua
  2. 1/6 di cubetto di lievito da 42g spezzettato
  3. 1 cucchiaino di sale
  4. 1 cucchiaino di zucchero
  5. 1 cucchiaio di olio e.v.o.
  6. 380g di farina 0
  • procedimento
  1. inserire tutti gli ingredienti nell’ordine indicato
  2. avviare il programma base della macchina del pane per una pagnotta da 500g con modalità crosta scura
  3. lasciare riposare la pagnotta all’interno della macchina del pane per 40-45min
  4. estrarre la pagnotta

Ecco il risultato (questa volta non sono riuscita a fotografarlo tagliato).

Finalmente sabato scorso è arrivata la macchina del pane che avevamo ordinato prima delle vacanze di Natale (con i punti di NaturaSì).

 

 

 

 

 

 

 

 

Non me ne intendo molto, è la prima che vedo, ma mi sembra molto bella, sia esteticamente sia dal punto di vista funzionale!!!

Abbiamo iniziato provando la ricetta del pane base…mah…era buono ma un po’ crudo! Probabilmente perché, essendo previsto nella ricetta del latte, ed avendolo noi sostituito con acqua, abbiamo esagerato un po’ con i liquidi.

Ecco la ricetta esatta che abbiamo eseguito, presa dal libretto di istruzioni della MdP:

  • ingredienti
  1. 400ml di acqua
  2. 1/3 di un cubetto di lievito da 42g (fatto riposare fuori dal frigorifero per 20min)
  3. 600g farina 0
  4. 1e1/2 cucchiaino di sale
  5. 4 cucchiaini di zucchero
  6. 1e1/2 cucchiaio di olio e.v.o.
  • procedimento
  1. inserire tutti gli ingredienti nell’ordine indicato
  2. avviare il programma base della macchina del pane per una pagnotta da 1kg con modalità crosta media
  3. una volta finita la cottura estrarre la pagnotta
  4. lasciarla raffreddare su una griglia

Ecco il risultato (non ho fatto in tempo a fotografare il pane chiuso).

 

 

 

 

 

 

 

 

(scusate il plurale, non è un plurale maiestatis…ma è che stavo cucinando con il mio papà!!! 😀 )

Per il secondo esperimento, fatto martedì, ho voluto provare solo la modalità impasto e siccome dovevo portare qualcosa ad una piccola festicciola ho deciso di fare una focaccia al rosmarino! Vi anticipo che è stata divorata, era veramente squisita!!! 😀

Per prima cosa ho spulciato un po’ la rete e alla fine della fiera ho elaborato questa ricetta:

  • ingredienti
  1. 230g + 2 cucchiai di acqua
  2. 1 cucchiaino di sale
  3. 440g di farina 00
  4. 2 cucchiai di olio e.v.o.
  5. 1/3 di un cubetto di lievito da 42g
  • procedimento
  1. inserire tutti gli ingredienti nell’ordine indicato
  2. avviare il programma impasto e lievitazione della macchina del pane
  3. lasciar lievitare ancora un paio di ore all’interno della macchina del pane
  4. oliare una teglia di 23cm di diametro e cospargera di sale fino
  5. stendere l’impasto
  6. cospargerlo di sale fino e rosmarino
  7. infornare a 180° per 35min, alzare la teglia di un livello e far cuocere per 5min, alzare ancora di un livello e far cuocere per altri 5min, alzare la temperatura a 230° e far cuocere altri 5 min (per dorare)

Ecco il risultato (focaccia cruda e cotta).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: